Condizioni ottimali, questa mattina, al Gabiet di Gressoney-La-Trinité, ad accogliere il Mezzalama Jeunes, gara riservata alle categorie Juniores e Cadetti, su un bel tracciato disegnato nell’occasione da François Cazzanelli e Emrik Favre, che ha visto imporsi Fabien e Sebastien Guichardaz e la coppia di fondiste della Valle del Lys, Beatrice Bastrentaz e Amalia Laurent negli Juniores, Noemi Junod – Elisa Tron e Filippo Bernardi-Emanuele Balmas nei Cadetti.

Su un percorso che presentata un dislivello di 1184 metri, netto il successo dei gemelli della squadra Asiva di Skialp, Fabien e Sebastien Guichardaz (Guich Twins Cogne; 1h 05’08”), a precedere i francesi Bastien Flammier e Esteban Ciferman (1h 09’28”) e i valtellinesi Matteo Speziale-Alessandro Gadola (1h 09’51”). Al femminile, vittoria delle due fondiste della squadra Asiva, Beatrice Bastrentaz-Amalia Laurent (Grezzo Team; 1h 00’17”) a precedere le valtellinesi Alessia e Giulia Giudici (1h 02’28”).

Nei Cadetti femminile – 636 metri di dislivello -, gradino alto del podio alla figlia d’arte Noemi Junod in coppia con la pinerolese Elisa Tron (1h 01’25”) davanti alla coppia dello Sc Corrado Gex, Chloé Collé e Valentina Bisazza (1h 11’27”). Al maschile, doppietta piemontese grazie al cuneese Filippo Bernardi e al pinerolese Emanuele Balmas (44’14”) e i cuneesi Andrea Muriasco – Giuseppe Cantamessa (47’58”) con terzo gradino del podio ai fratelli Battendier, Laurent e François (48’30”).

Domattina, dalle 5.30, dal centro di Breuil-Cervinia, il via al Mezzalama, maratona dei ghiacciai, che dopo 45 chilometri unirà la cittadina ai piedi del Cervino a Gressoney-La-Trinité attraverso il gruppo del Monte Rosa. Iscritte alla XXII edizione 286 squadre, per un totale di 849 concorrenti. Favoriti della vigilia gli alpini Robert Antonioli, Michele Boscacci e Matteo Eydallin e, al femminile, le francesi Axelle Mollaret e Loma Bonnel, con a completare il terzetto la bellunese dell’Esercito, Alba De Silvestro. In palio, sul traguardo di Gressoney, anche il titolo del circuito europeo La Grande Course: Lgc World Championship.

com _ 581 – 19.pdf