(dal sito della Federazione italiana http://www.fisi.org/) Federica Brignone è arrabbiata al traguardo di Lienz, quasi come se l’ottimo quarto posto fosse un risultato negativo: “Sono partita condizionata dal dolore al tallone sinistro, che ieri mi è venuto all’improvviso. Nella seconda manche mi sono dimenticata di tutto e ho pensato solamente a sciare bene. Avrei potuto vincere, questo distacco mi dà molto fastidio, adesso lavorerò per arrivare sul gradino più alto del podio e per farlo devo essere più costante.” Federica Brignone sarà al via dello Slalom di domani: “Sto soffrendo per il dolore al piede, voglio solo pensare a guarire al più presto.”

Occasione mancata, quindi, per la Brignone, che nel Gigante di Lienz, in Austria (gara d’esordio in Cdm, nel 2007), valido per la Coppa del Mondo di Sci alpino femminile, poteva conquistare il gradino alto del podio. La vittoria è andata alla tedesca Kathrin Hoelz, con il tempo complessivo di 2’16”61, a precedere l’azzurra altoatesina Manuela Moelgg (2’16”66) e alla francese Tania Barioz (2’16”72). Quarto posto per Federica Brignone (Gs Carabinieri; 2’16”73), a un solo centesimo dal podio e a 12/100 dalla vittoria.

Partita con il pettorale 13, la Brignone faceva registrare il 12° tempo nella prima manche; nella seconda, il riscontro cronometrico la colloca al secondo posto parziale, alle spalle della Moelgg, risultato dovuto a un’incertezza all’entrata del muro che conduce al traguardo. Fino a quel momento, la portacolori dei Carabinieri aveva un buon vantaggio sull’altoatesina, divario che le avrebbe permesso – considerate le prestazioni offerte da tutte le altre concorrenti giunte al traguardo – di strappare la prima vittoria in Coppa del Mondo.

Un risultato complessivo per la squadra azzurra femminile di assoluto rilievo, con ben sette atlete nelle prime 22 posizioni, oltre alla sfortunata prova di Nadia Fanchini, saltata a tre porte dalla conclusione della seconda manche. Oltre a Moelgg e Brignone, la classifica vede al 12° e 16° posto le portacolori del Centro sportivo Esercito, Nicole Gius (2’17”94) e Camilla Alfieri (2’18”11). Poi, 17° Denise Karbon, 19° Giulia Gianesini e 22° Irene Curtoni (Cse; 2’18”91); al 48° posto Francesca Marsaglia (Cse).